Trovare soluzioni tecnologiche per rispondere ai nuovi bisogni di welfare e sanità emersi durante l’emergenza Covid19. Parte con questo intento Get it! Twice, il programma di empowerment e impact investment readiness, ideato e sviluppato in partenariato da Fondazione Social Venture Giordano Dell’Amore e Politecnico di Milano. L’impegno economico complessivo è di 500mila euro. La prima call for solution per 5 idee scade il 30 giugno.

Get it! Twice si fonda sul dialogo tra il mondo della ricerca e i sistemi di welfare e sanità e mira all’identificazione di nuove tecnologie o applicazioni innovative di tecnologie esistenti e alla successiva creazione di organizzazioni a impatto sociale che possano svilupparle e portarle sul mercato.

Un impegno di oltre 500mila eur o attraverso cui Fondazione Social Venture Giordano Dell’Amore – braccio strategico e operativo di Fondazione Cariplo nell’ambito dell’impact investing – intende favorire lo sviluppo di nuovi soggetti imprenditoriali capaci di immettere sul mercato soluzioni innovative in risposta ai crescenti bisogni del sistema di welfare e sanità lombardi e con particolare attenzione alle sfide emerse nel corso dell’emergenza da Covid-19.

Dopo una prima fase di individuazione dei bisogni sviluppata attraverso il coinvolgimento degli attori dei sistemi welfare e sanità, l’iniziativa prevede due call integrate:

1) La Call for Solution finalizzata alla selezione di un massimo di 5 soluzioni tecnologiche nelle aree welfare and healthcare. I progetti saranno individuati tra i candidati a Switch2Product (S2P), il programma del Politecnico di Milano per la valorizzazione di nuove idee tecnologiche e di business, in scadenza il 30 giugno.
I progetti vincitori beneficeranno di uno special grant di 30mila euro da parte di Fondazione Social Venture Giordano Dell’Amore e avranno accesso ai percorsi di empowerment per l’incubazione e la prototipazione delle soluzioni innovative promossi dall’intera rete di partner di Get it! Twice: oltre alla capofile Fondazione Social Venture Giordano Dell’Amore partecipano Cariplo Factory, Politecnico di Milano, Polihub, Tiresia, Fondazione Bassetti e Fondazione Triulza.

2) La Call for Matching rivolta a imprenditori e organizzazioni in grado di sviluppare modelli di impresa sociale basati sulle tecnologie precedentemente individuate e così introdurle sul mercato. In questa fase la rete dei partner coinvolti attiverà un ampio network di grant-maker e investitori per consentire la prototipazione e la commercializzazione dei prodotti. Fondazione Social Venture Gda sarà inoltre disponibile a supportare lo sviluppo delle migliori 5 iniziative imprenditoriali attraverso un investimento in equity fino a 50mila euro.

L’obiettivo del programma è far emergere progetti di R&I – sviluppandoli attraverso il supporto di organizzazioni imprenditoriali – nelle seguenti aree di interesse:

1) supporto all’assistenza domiciliare integrata per anziani non autosufficienti;

2) offerta di percorsi riabilitativi fisici e cognitivi e di supporto psicologico a distanza, con particolare attenzione ai soggetti contagiati in isolamento e agli operatori sanitari;

3) triage nelle strutture sanitarie o pre-triage a distanza mediante telemonitoraggio di pazienti Covid in isolamento domiciliare;

4) edutainment a distanza per bambini e ragazzi e supporto alla neo-genitorialità;

Il progetto pilota, volto all’innovazione dei sistemi di welfare and healthcare lombardi, accoglie così una prassi che si sta iniziando a diffondere a livello europeo, ovvero la tendenza a orientare il sostegno alla ricerca e alla nuova imprenditoria verso specifiche missioni sociali particolarmente rilevanti, che fungono da guida per indirizzare incentivi, risorse e attori.

«In tal senso Get it! Twice funge da apripista alla sperimentazione di un approccio rinnovato ai tradizionali programmi di empowerment per startup, poiché consente potenzialmente di raggiungere più obiettivi inter-connessi: da un lato, offre supporto al trasferimento tecnologico e allo sviluppo dell’imprenditorialità innovativa; dall’altro incentiva la risoluzione di sfide ad alto impatto, individuate in funzione dei bisogni prioritari, come il benessere e la salute delle persone, anche in risposta all’emergenza da Covid-19 – spiega Marco Gerevini, Consigliere di amministrazione della Fondazione Social Venture Giordano Dell’Amore – Coniugando open innovation e impact investing il programma interviene contemporaneamente sul versante della domanda e su quello dell’offerta di capitali: i percorsi di empowerment finanziati dalla nostra fondazione, infatti, intendono favorire una richiesta più consapevole di risorse finanziarie da parte di startup e ricercatori, attivando una vasta rete di grant-maker e investitori, grazie al prezioso supporto dei partner».

“Get It Twice si colloca all’interno di un percorso di rinnovamento del modo in cui abbiamo fin ora promosso il trasferimento tecnologico ed è parte di un tentativo più ampio di rafforzamento del legame tra ricerca ed economia sociale. L’economia sociale, che nasce come forma imprenditoriale inclusiva e radicata sul territorio, può infatti costituire una risorsa preziosa per rispondere ai bisogni sociali pre-esistenti e ai nuovi bisogni emersi a seguito della crisi da Covid-19. In questo quadro la tecnologia può rappresentare lo strumento attraverso cui gli attori dell’economia sociale possono scalare i propri modelli» spiega Mario Calderini, professore di Social Innovation, School of Management del Politecnico di Milano.