Oltre 104mila pannolini usa e getta risparmiati: è l’effetto di Pupulito, il servizio di vendita e noleggio di pannolini lavabili, nato due anni fa a Novara con l’obiettivo di  semplificare la gestione dei pannolini di cotone, che da diversi anni ormai sono tornati in uso trovando un mercato tra i genitori più attenti al tema della protezione ambientale. Per farlo l’ideatrice Camilla Masala ha scelto anche di aprire un punto vendita fisico, quello di via Costa a Novara, creando così un riferimento in città in un ambito nel quale le informazioni finora circolavano per lo più su Internet.

Si può cominciare con un paio di settimane di prova, compresa una consulenza iniziale per capire come si mette e risolvere eventuali dubbi, nelle quali i genitori capiscono se e quale modello di pannolino fa al caso loro, per poi passare al noleggio che comprende anche il servizio di lavanderia. Due volte a settimana, infatti, Pupulito si occupa di ritirare, lavare e riconsegnare il kit di pannolini in cotone bio prescelto, marchiato con un codice numerico che lo rende identificabile.

Tutta la filiera è improntata alla sostenibilità ambientale perché per il lavaggio si utilizzano detergenti di origine vegetale e oli essenziali naturali e le macchine sono alimentate da fonti di energia rinnovabile. A fine ciclo, poi, il kit è sottoposto a un processo di sterilizzazione prima del noleggio successivo.

Il costo può variare dai 49 agli 89 euro al mese, a seconda del numero di pannolini fornito – un kit ne prevede sei al giorno – e il servizio è rivolto anche agli asili.

“Prima di Pupulito – racconta Masala, ospite a GammaDonna, il sesto salone dell’imprenditoria femminile e giovanile che si svolgerà a Torino l’1 eil  2 ottobre – facevo la designer di servizi per una società di consulenza e, occupandomi di un progetto relativo allo sviluppo di un quartiere sostenibile a Helsinki, ho iniziato a riflettere su questo aspetto. Così ho scoperto che servizi di noleggio simili sono molto diffusi negli Stati Uniti e, dopo qualche tempo, dato che l’idea era diventata un po’ un tarlo, mi sono licenziata e ho investito il Tfr per aprire l’azienda”.

Oggi Pupulito, oltre alla sede novarese, opera anche a Milano, nella zona dei laghi e nella provincia di Varese grazie ad alcune consulenti che si occupano di fare informazione sul tema, anche tramite incontri gratuiti organizzati in collaborazione con alcuni Comuni di queste aree. “I nostri clienti sono in maggioranza persone già sensibili al tema della riduzione dell’impatto ambientale – afferma Masala – o, in seconda ipotesi, scelgono questa soluzione per risolvere problemi come le dermatiti, comuni quando si usano i pannolini usa e getta. La semplificazione che offriamo, sicuramente, ha incoraggiato anche chi altrimenti avrebbe del tutto escluso questa scelta”.

L’idea è valsa a Pupulito diversi riconoscimenti, tra i quali nel 2013 il Premio nazionale per l’innovazione nella categoria servizi: “La motivazione è stata proprio quella di aver progettato un insieme di servizi innovativi attorno a un prodotto come il pannolino. Per me – conclude Masala – la soddisfazione è sicuramente nell’aver messo insieme il mio lavoro e il mio stile di vita”.