Il settore immobiliare, prima di tutto. Ma anche la finanza ed il turismo. Sono questi i tre settori nei quali si concentrano gli interessi economici dei parlamentari italiani. I dati, ai quali Il Sole24Ore ha avuto accesso, sono stati raccolti da Transparency International su Soldi e politica, una piattaforma che consente di accedere alle informazioni sui finanziamenti ricevuti dai partiti e sugli interessi privati dei politici.

Concentrandosi su questi ultimi, si scopre che tra amministratori delegati, titolari, sindaci e revisori, sono 114 i parlamentari della Repubblica che hanno interessi in aziende. A spanne, si tratta di poco più di uno su otto. Al di là del quadro generale, come detto, i numeri raccolti da Transparency International permettono di capire quali siano i singoli settori di interesse di deputati e senatori.

Circa un quarto, per la precisione 26, ricoprono cariche societarie o sono titolari di aziende che operano nel settore immobiliare. Altri 16 sono legati a realtà della finanza, 15 ad imprese del turismo o della ristorazione. Quindi 13 hanno a che fare con aziende del commercio o della manifattura.

Utilizzando il filtro posto in alto a sinistra, è possibile analizzare la situazione relativa ai singoli partiti. Per tutte le principali forze politiche, Movimento 5 Stelle compreso, il settore immobiliare è quello che coinvolge il maggior numero di parlamentari. Diventa allora interessante guardare al secondo posto.

Per la Lega si tratta della manifattura che coinvolge lo stesso numero di parlamentari, ovvero sette, attivi nell’immobiliare. Per quanto riguarda Fratelli d’Italia spicca la sanità, con tre eletti che hanno incarichi in società di questo settore. Mentre per Forza Italia, che ha eletto ben 10 dei 26 parlamentari ‘immobiliaristi’, il secondo comparto maggiormente rappresentato è quello della finanza.

Circostanza, quest’ultima, che rappresenta un curioso punto di contatto con il Partito democratico. Il quale, oltre a 4 eletti che hanno a che fare con il mattone, vede 3 persone legate al mondo della finanza e altrettante impegnate nella manifattura. Italia Viva ha un solo parlamentare con interessi nel commercio, mentre i Cinque stelle, oltre a 2 immobiliaristi, hanno una decina di eletti con incarichi o quote in aziende che operano in comparti che vanno dall’agroalimentare al chimico, dai trasporti alla sanità. Questo, insomma, il quadro degli interessi economici dei parlamentari della Repubblica.

L’articolo Potere e politica: ecco gli interessi economici dei parlamentari italiani sembra essere il primo su Info Data.

Leggi su infodata blog