John Oliver è rimasto britannico fino al midollo anche se ormai sono diversi anni che vive negli Stati Uniti. La sua è  una comicità seduta (anche se ha iniziato come stand-up comedian). La sua è satira impegnata, che usa gli strumenti del giornalismo per fare riflettere senza mai scadere nel banale o nella facile battuta. I suoi monologhi non sono mai improvvisati, si appoggiano a dati, statistiche e mappe. Come in questo caso che sovrappone due mappe degli Stati Uniti per spiegare la differenza tra correlazione e causalità, per smontare fake news, teorie del complotto e propaganda. Ci piace moltissimo e anche ai lettori di Info Data. Non è un data journalist ma piace ai dati journalist (e non solo). Qui trovate il canale YouTube del suo show su Hbo. Per arrivare al punto arrivate al 15esimo secondo (circa). 

Nuovo video segnalato da utenti-lettori del blog per riflettere sulle prospettive di una società mossa dai dati

Ps.  La correlazione si riferisce ad una relazione tra due (o più) variabili che cambiano insieme. Una correlazione può essere positiva o negativa. La causalità si riferisce ad una relazione tra due (o più) variabili dove una variabile causa l’altra. Ci piace ricordarlo. Scusate. 

L’articolo Le teorie del complotto, le mappe e la comicità. Pensiero critico della società data-driven (6) sembra essere il primo su Info Data.

Leggi su infodata blog