Gli scienziati del Center for Systems Science and Engineering del dipartimento di Ingegneria Civile e dei Sistemi della University hanno creato e aggiornano regolarmente una mappa online per tenere traccia della diffusione mondiale dell’epidemia di coronavirus che è nata nella città cinese di Wuhan.

Lauren Gardner , professore di ingegneria civile e condirettore della CSSE, ha iniziato la mappatura mercoledì scorso Il sito visualizza statistiche su decessi e casi confermati di coronavirus, o 2019-nCoV, su una mappa mondiale. Inoltre, consente ai visitatori di scaricare i dati gratuitamente.

Come funziona. 

Nella cartina geografica è possibile individuare i casi dei contagi, indicati con un pallino rosso. Più grandi sono le dimensioni ei pallini e maggiore è la concentrazione delle vittime del contagio. Premendo + o – si accede ai singoli casi che possono essere analizzati con un dettaglio che va dalla singola regione alla città.  In alto a sinistra, trovate il numero di contagiati e l’ora dell’aggiornamento. A destra il numero dei morti e le persone ricoverate. In basso a sinistra un grafico con l’andamento del contagio in Cina e nel resto del mondo.

Le fonti dei dati. I dati vengono costantemente raccolti dai principali enti sanitari internazionali e nazionali tra cui l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS/WHO); i Centers for Disease Control and Prevention (CDC) americani; l’European Centre for Disease Prevention and Control (ECDC); i CDC China; NHC e DXY. Quest’ultimo è un servizio cinese che aggrega i dati dei contagi praticamente in tempo reale.

L’articolo La mappa della Johns Hopkins University per seguire la diffusione del coronavirus (quasi in tempo reale) sembra essere il primo su Info Data.

Leggi su infodata blog