Alto Adige, Valle d’Aosta e, seppur in misura minore, Sardegna. É qui che si concentrano i Comuni più spendaccioni. Ovvero quelli che, nel 2018, hanno registrato una maggiore spesa pro capite per l’acquisto di beni e servizi oltre che per l’esecuzione di opere pubbliche. A censirli ci ha pensato “ContrattiPubblici.org,“, un progetto di Synapta che si occupa appunto di raccogliere i dati relativi alle spese della pubblica amministrazione e li utilizza per offrire servizi di business intelligence. Numeri che l’azienda ha condiviso con Infodata, che ha realizzato questa mappa.

 

 

Più il territorio di un Comune é scuro, maggiore é la spesa pro capite registrata nel 2018. Il rosso più scuro indica una spesa superiore ai 5mila euro per residente. I due filtri nella parte bassa della mappa consentono di zoomare sul territorio di una singola regione o di una provincia.

Come si può notare dalla mappa, i comuni con una spesa pro capite più alta si concentrano in Valle d’Aosta e nella provincia autonoma di Bolzano. Ma si possono notare aree rosse anche nell’alto Friuli e nelle zone alpine delle province di Torino e Cuneo. Possibile che in queste aree il valore sia spinto verso l’alto dal fatto che si tratta di zone poco popolose. E probabilmente lo stesso discorso vale anche per le zone centrali della Sardegna.

 

Non mancano i casi eccezionali. Come Pettinengo, nel biellese, dove la spesa pro capite nel 2018 ha sfiorato gli 850mila euro, o Oschiri (Sassari) e Pieve Vergonte (Verbania), che hanno sfiorato i 750mila euro. Numeri che, fanno notare da ContrattiPubblici.org, possono essere legati al fatto che le amministrazioni abbiano pubblicato male i propri dati.

 

Sí, perché come detto il database sulla base del quale é stata realizzata la mappa é stato compilato utilizzando le informazioni che le amministrazioni comunali rendono pubbliche. E l’aspetto maggiormente positivo, sottolineano da ContrattiPubblici.org, é che nella maggioranza dei casi vengono messi a disposizione dei dati di buona qualità.

 

Tornando alla mappa, l’indicazione della quantità di soldi spesi non deve essere inteso come un indice di qualità dell’attività di un’amministrazione comunale. Ridurre al minimo le spese e, soprattutto, gli investimenti potrebbe essere al contrario un segnale di immobilismo. Un valore elevato, al contrario, può essere dovuto ad un importante opera pubblica. Il tema, insomma, non é solo quanto si spende, ma anche perché lo si fa. Ma questo la mappa non é in grado di dircelo.

L’articolo La mappa dei Comuni più spendaccioni: i casi di Alto Adige, Valle D’Aosta e Sardegna sembra essere il primo su Info Data.

Leggi su infodata blog