L’età media del personale sanitario di ospedali e ASL è oggi 51 anni. Medici, infermieri, amministrativi e operatori sono in media 3 anni più vecchi rispetto alla forza lavoro del 2010. Lo mette in luce il Rapporto Sanità 2019 prodotto dal Centro Studi Nebo, che fornisce un’analisi del Conto Annuale del Personale della Pubblica Amministrazione della Ragioneria Generale dello Stato. L’unica categoria dove l’età media è (appena) inferiore ai 50 anni è quella degli infermieri, anche se in 7 anni l’età media è cresciuta di ben 4 anni, rappresentando uno dei salti maggiori dell’intero comparto.

Il personale medico e tecnico-professionale sfiora oggi i 53 anni medi, superati invece dal personale di direzione che con 53,4 anni risulta il gruppo più anziano e invecchiato dal 2010, quando l’età media era di 49,7 anni. Non stupisce, dal momento che come rilevavamo nella puntata precedente dove raccontavamo il  Rapporto Sanità 2019 , questo gruppo è quello che ha registrato una maggiore contrazione nel numero di unità. In altre parole: sempre meno nuove e giovani assunzioni fra chi si ritrova a gestire la parte amministrativa di una sanità che dovrebbe diventare, secondo i piani dell’Agenda Digitale, sempre più smart.

In ogni comparto le classi di età numericamente più rappresentate sono in tutte le aree quelle dai 45 anni di età. Fa eccezione l’area medica fra le donne, dove le più anziane sono tante quante le più giovani, ma solo a fronte di uno squilibrio marcatissimo di genere nella generazione di medici con oltre 60 anni, che ha visto per lungo tempo le donne essere solo una piccola parte della classe medica.

Nell’area sanitaria, in quella tecnico-professionale e di direzione e amministrazione la fetta più grossa di personale ha fra i 55 e i 59 anni.  Sul totale del personale il rapporto femmine/maschi è di 2 a 1, determinato da valori che disaggregati per area raggiungono le 3,5 donne infermiere per ogni maschio infermiere, e scendono via via fino a invertirsi fra i medici dove contiamo oggi 8 donne ogni 10 medici uomini.

L’aumento dell’età media dal 2010 al 2017 in tutte le Regioni, ma si può notare come il fenomeno sia del tutto eterogeneo, in relazione alle nuove assunzioni: ad esempio, nel caso del totale del personale varia tra un minimo di poco meno di un anno in Sardegna ad oltre 4 anni in Liguria.

Oggi esiste un ampio divario delle età medie del personale a livello regionale. Fra l’area con l’età media del personale più bassa, cioè la Provincia Autonoma di Trento, e quella con l’età media più elevata cioè il Molise, ci sono ben otto anni: 45 anni in media per i trentini e 56 per i molisani. Ha meno di 50 anni in media il personale sanitario valdostano, friulano, veneto, emiliano, lombardo e marchigiano, mentre campani e siciliani sfiorano in media i 55 anni di età. Fra i medici il gap è ancora più pronunciato: i medici molisani hanno quasi 58 anni in media, i campani quasi 57, i siciliani 56, mentre i medici friulani e trentini ne hanno quasi dieci di meno.

Osservando la classifica presente nel rapporto si nota che le prime 35 posizioni (su 200) sono occupate esclusivamente da ASL e AO del meridione e del Lazio. Le Aziende laziali sono nella quasi totalità distribuite lungo la prima metà della classifica, mentre quelle delle restanti Regioni del Centro fanno registrare età medie più contenute e si trovano prevalentemente nella seconda parte dell’elenco. Tra le prime 100 posizioni sono presenti solo 25 Aziende che si trovano nel Nord Italia.

Ancora più eterogeneo infine appare l’andamento dell’età media a livello delle singole Aziende USL e Ospedaliere: ai quasi 57 anni della ASL di Reggio Calabria e gli oltre 56 delle Aziende Sanitarie di Catania, Palermo, Vibo Valentia, Caserta e Cosenza si contrappongono, all’altro capo della classifica, valori inferiori di 10 anni e oltre. All’AOU Federico II di Napoli l’età media del personale è di 43 anni, all’IRCCS Ca’Granda – Maggi di Milano 43,5 anni, all’AOU Policlinico Tor Vergata di Roma 45 anni.

 

L’articolo Età media dei medici: fra un campano e un trentino ci sono 9 anni sembra essere il primo su Info Data.

Leggi su infodata blog