L’estinzione nella biologia è la scomparsa di una determinata specie di organismi viventi. Secondo un report delle Nazioni Unite un milione di specie animali e vegetali potrebbero scomparire per sempre. I motivi sono quelli che sappiamo. I terreni agricoli si stanno espandendo a scapito delle foreste, gli stock marini vengono decimati dalla pesca eccessiva e le barriere coralline vengono ostruite dalla plastica, si potrebbe proseguire così in  modo aneddotico a lungo.  La piattaforma intergovernativa delle Nazioni Unite sulla biodiversità e i servizi ecosistemici (Ipbes) ha condotto uno studio sullo stato del Pianeta da un punto di vista ecologico e ha scoperto che l’attività umana sta avendo un impatto devastante sull’ambiente. Qui sotto l’infografica di Statista

 

Ecco alcuni numeri contenuti nello studio:

1

In milioni le specie a rischio di estinzione.

100

Raddoppio dell’area urbana dal 1992 e la scomparsa di 100 milioni di ettari di foresta tra il 1980 e il 2000.

40%

Il 40% degli anfibi potrebbe estinguersi, insieme al 33% dei mammiferi marini e al 14% degli uccelli.

Il presidente dell’IPBES, Robert Watson, ha avvertito che “la salute degli ecosistemi da cui dipendiamo noi e tutte le altre specie si sta deteriorando più rapidamente che mai. Stiamo erodendo le fondamenta stesse delle nostre economie, dei nostri mezzi di sussistenza, della sicurezza alimentare, della salute e della qualità della vita in tutto il mondo “.

Questi i numeri sul fronte grafico ecco uno spunto interessante.

 White Cheeks su Reddit ha utilizzato una tecnica non nuova ma molto efficace per descrivere l’estinzione. Ogni punto rappresenta un animale quindi gli animali appena tratteggiati sono quelli messi peggio.

36k5sg0gevl51
keh4kmxfevl51
zlqveutfevl51

Questa è la seconda puntata dedicata alla biodiversità
La prima la trovate qui: gli indicatori per misurare l’allarme globale sulla biodiversità

L’articolo A rischio estinzione un milione di specie animali. Come scompare la biodiversità pixel dopo pixel sembra essere il primo su Info Data.

Leggi su infodata blog