Lo sviluppo sostenibile, oltre a essere un concetto normativo (etico), è anche una scienza dei sistemi complessi. Un sistema è un gruppo di componenti interagenti che, assieme alle regole per la loro interazione, costituiscono un tutto interconnesso. Il cervello è un sistema di neuroni interagenti; il corpo umano è un sistema composto da circa 10 trilioni di singole cellule, in cui alcune interagiscono in maniera sistematica all’interno di vari sistemi di organi (sistema circolatorio, sistema nervoso, sistema digestivo ecc.); la cellula stessa è un sistema di organelli interagenti; e l’economia è un sistema composto da milioni di individui e imprese, tenuti assieme nell’ambito di mercati, contratti, leggi, servizi pubblici e regolamenti.

Diciamo che tali sistemi sono complessi perché le loro interazioni danno origine a comportamenti e modelli non facilmente distinguibili dai sottostanti componenti stessi. Il cervello cosciente non può essere ridotto a un elenco di neuroni e di neurotrasmettitori; funzioni quali la coscienza dipendono da interazioni molto complesse fra i neuroni che lo compongono. Una cellula vivente è più della somma di nucleo, ribosomi e altri componenti; i sistemi del metabolismo, dell’espressione genica e simili dipendono da interazioni altamente complesse fra i loro componenti. Un’economia in crescita è più della somma delle sue imprese e dei suoi lavoratori. Gli studiosi della complessità parlano delle proprietà emergenti di un sistema complesso, riferendosi a quelle caratteristiche che emergono dalle interazioni dei componenti per dar luogo a qualcosa che è «maggiore della somma delle sue parti».

I sistemi complessi hanno molte caratteristiche impreviste; spesso reagiscono a shock o cambiamenti in maniera non lineare, nel senso che anche un piccolo cambiamento nei componenti può provocare un cambiamento di enorme portata, forse catastrofco, nella performance complessiva del sistema. Un piccolo cambiamento nella struttura chimica
della cellula ne può causare la morte; un piccolo mutamento nell’ambiente fisico può provocare grandi cambiamenti e a cascata nell’abbondanza relativa delle specie che vivono in quell’ambiente. Il fallimento di una singola azienda può far scoppiare il panico e innescare una recessione globale, come accadde nel settembre 2008 quando fallì la Lehman Brothers. Un solo fallimento bancario, o un solo focolaio d’infezione, o un’impercettibile variazione della temperatura terrestre, possono innescare una reazione
a catena, un processo di feedback positivo, con conseguenze esplosive.

Lo sviluppo sostenibile coinvolge non uno, bensì quattro sistemi complessi. Ha a che fare con un’economia globale che ora abbraccia tutto il mondo; punta l’attenzione sulle interazioni sociali di fiducia, etica, disuguaglianza e reti di solidarietà sociale nelle comunità (comprese le nuove community globali online rese possibili dalla rivoluzione nelle tecnologie di informazione e comunicazione, o Ict); analizza i cambiamenti nei sistemi terrestri complessi, come il clima e gli ecosistemi; studia i problemi di governance, incluse le performance di governi e imprese. In ciascuno di tali sistemi – economico, sociale, ambientale e di governance – si manifestano con estrema chiarezza tutte le proprietà caratteristiche dei sistemi complessi, come il comportamento emergente e un’accentuata dinamica non lineare (inclusi boom e recessioni).

La comprensione dei sistemi complessi richiede anche una certa complessità di pensiero; infatti, è un errore credere che i problemi dello sviluppo sostenibile mondiale si possano ridurre a una sola idea oppure a un’unica soluzione. Un fenomeno complesso quale la presenza della povertà in mezzo all’abbondanza ha molte cause che non si possono risolvere con una singola diagnosi o prescrizione, proprio come nei casi di danni
ambientali o di comunità rovinate da diffdenza e violenza. I medici sono preparati per capire e reagire a quel sistema complesso che è il nostro corpo, sanno che uno stato febbrile o un dolore può avere svariate cause. Parte del lavoro di un bravo medico è fare una diagnosi differenziale della causa specifca della febbre in un determinato paziente. Analogamente, un professionista qualifcato nel campo dello sviluppo sostenibile deve essere un esperto di sistemi complessi, in grado di riconoscere la complessità dei
problemi e di fare una diagnosi specifca di ogni particolare caso.

"L'era dello sviluppo sostenibile" di Jeffrey Sachs, Egea, 32 euro, da cui è tratto il brano che pubblichiamo
“L’era dello sviluppo sostenibile” di Jeffrey Sachs, Egea, 32 euro, da cui è tratto il brano che pubblichiamo