Il mondo dei microcontrolleri assomiglia a quello della musica. Come nelle band il frontman mette in ombra gli altri membri del gruppo, così nell’informatica è Arduino a far cadere i concorrenti nel dimenticatoio. E pensare che ce ne sono parecchi. La scheda di prototipazione rapida nata da Massimo Banzi infatti è solo uno dei tanti sistemi per entrare nel mondo dei makers, per sperimentare con i sensori e godere delle meraviglie dell’Internet of Things. Puntare alle sue alternative ha tre motivi: sperimentare qualcosa di nuovo, dotarsi di una scheda più potente o con diverse funzioni oppure scegliere un prodotto più economico da inserire in un progetto permanente. Se possiamo realizzare un’idea con un dispositivo da 17 euro è inutile spenderne 30.
PER LE DIDA CLICCARE I IN ALTO A DESTRA