Costellazione Backstage

Vi siete mai chiesti cosa e quali studenti ci sono dietro a Costellazione?

Oltre agli ideatori, gli sponsor e tutti i ragazzi che posano e incidono le firme ci sono quelli che stanno dietro le quinte e lavorano sodo come i loro colleghi! Questo grande progetto di arte pubblica sta coinvolgendo sempre più persone e appassionati. Una grande piazza a mosaico che sta venendo realizzata dai visitatori con l’aiuto di sei squadre di studenti dell’Accademia di Belle Arti di Brera e dell’Accademia di Belle Arti di Bologna. Essendo partito nei mesi di Expo, il soggetto di questo mosaico è la costellazione dell’Acquario che rispecchia il tema dell’acqua, della terra e della vita, argomenti principali anche dell’esposizione universale appena conclusa. Oltre ad avere questo profondo significato, l’opera è bella da vedere ed è letteralmente un pezzo di cielo in terra.

I visitatori sono chiamati a firmare una tessera con una matita bianca e lasciare il loro segno con un nome, una frase e tutto ciò che a loro è più caro, questa poi viene incisa ricalcando esattamente il segno lasciato con la matita. Le firme vengono documentate dalle fotografe che con foto e video raccontano sui social e sul sito di Costellazione le tante storie che vengono condivise con la Piazza.

Non dimentichiamoci delle ragazze che seguono i visitatori nelle firme, spiegano il progetto e tengono il conto dei dati e delle e-mail per poter rendere questa esperienza ancora migliore. Infatti lasciando la propria mail sarà possibile ritrovare la propria tessera all’interno del mosaico sul sito oltre che andare di persona e cercarla nella Via Lattea di firme. Dopo l’incisione la tessera viene posata al centro della costellazione dagli studenti a formare proprio la nostra galassia.

Quest’opera rappresenta uno dei primi monumenti partecipativi in Italia, realizzato con il contributo di cittadini, turisti, studenti e chiunque abbia voglia di lasciare il proprio segno per sempre in un luogo destinato al pubblico e realizzato proprio con esso.

Ecco un video che mostra come sono state realizzate le tessere che voi state continuando a firmare e il backstage di questo bellissimo progetto!

Qui il video!

Costellazione Backstage

Vi siete mai chiesti cosa e quali studenti ci sono dietro a Costellazione?

Oltre agli ideatori, gli sponsor e tutti i ragazzi che posano e incidono le firme ci sono quelli che stanno dietro le quinte e lavorano sodo come i loro colleghi!

Ecco un video che mostra come sono state realizzate le tessere che voi state continuando a firmare e il backstage di questo bellissimo progetto!

Qui il video! 

Nuovi spazi per la cultura e l’arte a Milano

Hai mai pensato che quel vecchio edificio inutilizzato possa trasformarsi in qualcosa di nuovo e utile? Il Comune di Milano sì. Il MuDeC – Museo delle Culture è un primo esempio. Approvato nel 1999, è stato aperto solo nel marzo 2015 con due mostre temporanee: Mondi a Milano e Africa, e inaugurato nell’ottobre 2015 in forma definitiva: 8.600 metri quadri per tre piani dedicati ai temi dell’intercultura, con una molteplicità di funzioni che prevedono collezioni permanenti, esposizioni temporanee, attività didattiche, laboratori, performance, coordinate da un modello innovativo di gestione misto tra pubblico e privato.

Tre importanti progetti di riqualificazione o edificazione di spazi dedicati alle arti performative sono stati avviati.

Il Teatro Lirico subirà lavori di restauro conservativo per tornare ad offrire alla città una programmazione dal taglio multidisciplinare e internazionale secondo la vocazione storica della sala. Si chiamerà Teatro Gaber, in omaggio al grande attore milanese scomparso nel 2003, e sarà un vero centro polifunzionale, ovvero ospiterà spettacoli in senso stretto ma anche conferenze, eventi e iniziative collaterali della scena milanese. L’avvio del cantiere è previsto per gennaio 2016.

L’adeguamento, il restauro e la ristrutturazione del Cinema Orchidea, situato in un edificio storico risalente presumibilmente al 1200, acquisito dal Comune di Milano dal 1935, prevede anche il recupero della facciata storica e del vecchio chiostro. Lo storico cinema Orchidea, inattivo dal 2009, diventerà una sala cinematografica rinnovata, ma anche uno dei luoghi dedicati al “fare cinema” a Milano, con particolare attenzione alle produzioni del cinema indipendente milanese. Il restauro vede il cinema come la sede di una programmazione cinematografica di qualità attenta ai linguaggi più innovativi della scena internazionale in continuità con l’esperienza dei sette festival cittadini riuniti nel network Milano Film Network.

La Casa del Teatro per l’infanzia e l’adolescenza è un nuovo spazio multisala in via di realizzazione in piazzale Maciachini da dedicare interamente alla ricerca e alla produzione teatrale pensata per i bambini e i ragazzi della città.

Lo spazio dell’ Ex-Ansaldo è spazio sviluppato su più di 4 piani, all’interno del luogo che una volta era una fabbrica che ora ha chiuso. Avrà un mix di funzioni: il piano terra sarà aperto a eventi culturali, concerti, mostre e punti ristoro. I piani superiori saranno spazi legati a giovani artisti designer stilisti, un ambiente condiviso dove si possano sviluppare le proprie competenze e con costi calmierati di uno spazio in condivisione. Per le sue dimensioni può anche proporsi come un hub, centro di rete di spazi diffusi su Milano legati alla progettazione di nuove progettualità legate all’impresa.

Si sta cercando, come amministrazione, di avere un’idea ampia di innovazione: non solo tecnologica (reti dei trasporti, risparmio energetico, informatica) ma anche innovazione sociale, ovvero la qualità dei servizi da orientare verso le persone. L’innovazione verso la comunità artistica e culturale crea grandi magneti per portare gente e risorse a vivere in questi ambienti.

Mare a Milano è un’associazione che nasce con l’obiettivo di costruire un incubatore artistico e residenze per artisti nella zona di via Novara – in costruzione nel 2016 – riqualificando anche l’ex cascina Torrette di Trenno – in apertura a primavera 2016. Creando un polo di innovazione legato a arte e giovani, un punto di aggregazione. E’ pensato e realizzato seminando relazioni tra associazioni di tessuto urbano periferico anche su un’area che non è il centro di Milano con le stesse “opportunità”. Un centro internazionale di innovazione culturale, inclusione sociale e rigenerazione urbana per costruire un nuovo modello di sviluppo territoriale delle periferie.

L’approccio integrato tra innovazione culturale, inclusione sociale e rigenerazione urbana è l’intuizione alla base dell’impresa sociale Mare. E’ composto da circa 7700 mq aperti 365 giorni all’anno, 7 giorni su 7, dalle 8 alle 2 di notte, che comprendono: cinema, sale teatrali e per concerti, co-working, studi di registrazione e sale prova musica, atelier e spazi di prova e formazione, spazi per la comunità, caffé e bistrot, una corte, una grande area di verde pubblico e un passaggio sempre aperto sulla città. I progetti di questi spazi sono ambiziosi e interessanti non solo per la loro riqualificazione ma anche per tutti i benefici che porteranno.

La cultura e l’arte in giro per Milano

Milano Live Coding

Studio Azzurro: la storia dei nuovi media

La matematica di tutti i giorni: Mathesia

Ceramica Sant’Agostino

Luciana Gallo e l’Arte Radiante

Cittadella dell’innovazione all’area Expo. Il dopo-Expo che rilancia Milano nel mondo dell’innovazione.

Costellazione

Un nuovo modo di esporre

AmypoPharma, nanotecnologie per curare l’Alzheimer