La digitalizzazione pervade la vita quotidiana, da casa al lavoro. E non solo per via dei computer e dei telefoni. Le automobili e le telecamere per il controllo degli accessi nelle case, le centrali di controllo domotiche e i chip per la localizzazione degli animali domestici, i robot in linea di montaggio e i sensori che leggono la loro efficienza, le piattaforme che governano la micrologistica cittadina e i satelliti che tengono monitorato il clima in ogni istante, le macchine per le analisi mediche e i mezzi di comunicazione… I chip e il software sono ovunque e sono connessi alla rete. Alimentano le opportunità e i rischi. Favoriscono lo sviluppo di servizi ai cittadini e suggeriscono nuovi modelli di business per le imprese, attraverso la gestione dei processi di approvvigionamento, produzione e vendita tramite le tecnologie di rete. Ma offrono il fianco a sempre nuove e pericolose azioni di cyber crime, in grado di violare il “sistema impresa” e minarne drasticamente la capacità competitiva.


Nòva24 – Il Sole 24 Ore in collaborazione con Cini, Confindustria Bari e Bat e Università degli Studi Aldo Moro, organizza nella mattinata di martedì 27 marzo 2018 presso il Salone degli Affreschi dell’Università di Bari la terza tappa del road show “Cyber Security. L’evoluzione della sicurezza nell’ecosistema 4.0″. Un percorso iniziato nel 2017 a Milano e Roma e che continua nel 2018 sul territorio italiano, per affrontare un tema ampio e fortemente sentito dal Paese.

Rivolto ad aziende – in particolare le Pmi – e professionisti, il convegno ha l’obiettivo di diffondere la conoscenza sul tema della sicurezza informatica e sulle ricadute del fenomeno sul sistema imprenditoriale, attraverso un confronto tra università e istituzioni, mondo delle aziende e associazioni di categoria. In particolare, la tappa barese – oltre ad affrontare il tema cybersecurity nella sua complessità – dedicherà un focus al mondo della sanità, settore particolarmente esposto al rischio di attacchi informatici, con riferimento non solo ai rischi legati alla gestione dei dati (Big Data) ma anche alla complessità crescente dei sistemi Ict e dei dispositivi tecnologici (IoT) prodotti da vendor differenti e che devono interagire per garantire la salute del paziente, senza determinare vulnerabilità a possibili attacchi alla sicurezza della infrastruttura stessa.

Nella mattinata di lavori, curata da Luca De Biase, caporedattore del Sole 24 Ore, interverranno presso il Salone degli Affreschi dell’Università di Bari Antonio Felice Uricchio e Donato Malerba, rispettivamente Magnifico Rettore e direttore del Dipartimento di Informatica dell’Università degli Studi di Bari Aldo Moro, Domenico De Bartolomeo, presidente Confindustria Bari e Bat, Paolo Prinetto, presidente e direttore del Laboratorio nazionale di Cybersecurity del CINI, Antonio Samaritani, direttore generale Agid, Agenzia per l’Italia digitale. A loro verrà affidato il compito di illustrare lo scenario attuale e futuro italiano in termini di sicurezza informatica, in un’epoca in cui la trasformazione digitale impegna tutti – aziende, istituzioni e privati utenti – ad una conoscenza più approfondita dei rischi e dei benefici. Su questo tema verterà anche l’intervento di Maurizio Marcelli, responsabile Network resilience di Tim: l’azienda è infatti un importante player nell’ambito dei servizi di Cybersecurity & Data Protection, in particolare nella Cloud Infrastructure Security, con strutture e tecnologie all’avanguardia, così come nelle soluzioni di Identity Protection per le persone e per le imprese.

Nella seconda parte della mattinata l’attenzione verrà concentrata sulla sicurezza contro gli attacchi informatici in ambito sanitario. Interverranno sul palco tre eccellenze pugliesi del settore: la barese TechnoSec – con l’intervento del Ceo Marco Pennelli – azienda specializzata in soluzioni Industria 4.0 e da poco  suddivisione italiana per l’Internet of Things della startup inglese Blackinetix con sede a Londra; Itel con l’ad Michele Diaferia azienda pugliese leader nella fornitura di servizi ingegneristici ad alta specializzazione per la sanità nonché di Radiofarmaci per la Pet, impegnata nella messa a punto di un sistema innovativo di protonterapia; Evolumiaper la quale interverrà Lino Fornaro, esperto cybersecurityazienda leader nel campo dell’Information Security e dei servizi Ict a valore proponendosi come partner strategico per l’evoluzione dei sistemi informativi di aziende e pubbliche amministrazioni. Dai dispositivi interconnessi e dal telemonitoraggio del paziente alla necessità di sicurezza nel cloud computing per applicazioni medicali alle nuove sfide che derivano da un effettivo fallimento dell’approccio tradizionale alla sicurezza digitale, ormai obsoleto.

Dai casi studio delle aziende sul territorio alle azioni di contesto proposte e attivate dalla Regione Puglia in merito. Uno sguardo a 360 gradi sul territorio dunque, con Salvatore Latronico, presidente del Distreto produttivo dell’informatica pugliese, e Adriana Agrimi, responsabile transizione al digitale della Regione Puglia.Le conclusioni della mattinata saranno a cura di Giuseppe Pirlo, referente dell’Università di Bari per l’Agenda digitale smart city e delegato Uniba Sperimentazione 5G.

Cyber Security Bari vede la main partnership di Tim. Partner dell’evento Audi. Local Partner Banca Popolare di Bari.

Le prossime tappe del roadshow Cyber Security saranno a Napoli il 21 maggio e a Torino, in autunno.

Vai al programma.