Lo scontro tra operatori telefonici storici e Iliad sta raggiungendo nuovi livelli. Tim, Vodafone e Wind hanno lanciato altre offerte low cost dedicate agli utenti Iliad (e di operatori mobili virtuali). Al contempo, mentre da una parte cercano di tenere testa al nuovo avversario con tariffe competitive, presentano novità di altro genere, utile a differenziarsi dal nuovo arrivato: annunci con cui sottolineano la propria qualità della rete (presente o futura). Lo scontro è comunque destinato a crescere ancora di intensità, dato che anche Iliad sta lavorando a migliorare i propri servizi, preparandosi a lanciare una propria rete (tra fine 2018 e inizi 2019, stando ad alcune indiscrezioni che circolano nel settore) e poi a lavorare sul 5G (di cui si è aggiudicato frequenze importanti all’ultima asta, anche grazie a regole di gara che le hanno facilitato il compito).Ma per tutto questo bisognerà aspettare. Intanto, al presente, lo scontro si vede perlopiù sulle tariffe di fascia base. Come Vodafone Special Minuti 50 Giga a 6,99 euro al mese: minuti illimitati verso tutti i numeri nazionali mobile e rete fissa e 50 Giga di traffico dati. L’offerta è attivabile se si proviene da Iliad, Kena Mobile, PosteMobile, LycaMobile, Fastweb Mobile, PosteMobile Full, BT Enia Mobile, Digi Italy, ERG Mobile,1 Mobile, BT Italia full MVNO, Rabona Mobile, NoiTel Mobile, SimPiù Digitel Italia, Digi Mobile FULL.C’è un costo di attivazione di 10 euro (ma 6 euro per campagne di win back, a cui possono aderire ex utenti Vodafone contattati via sms dall’operatore) e 5 euro per una sim Vodafone.Con Tim c’è invece Iron 50GB: minuti illimitati verso tutti i numeri nazionali e 50 Giga di traffico dati a 6,99 euro al mese. L’offerta è attivabile da chi proviene da iliad e da alcuni operatori virtuali (non quelli che usano la stessa rete Tim). C’è anche qui un’attivazione (12 euro) e un prezzo per la sim (10 euro), con un obbligo a restare per 24 mesi con questo operatore (e un costo di disdetta anticipata a chi va via prima). Senza quest’obbligo, l’utente paga 32 euro di attivazione. Stesso prezzo per Wind. Wind Smart Special 50 ha minuti illimitati verso tutti i numeri nazionali e 50 Giga di traffico dati a 6,99 euro al mese. Incluso gratis il servizio di reperibilità che ci avvisa delle chiamate arrivate quando il cellulare non era raggiungibile. Costo di attivazione 20 euro o 10 euro con obbligo a 24 mesi.Con 3 (altro marchio di Wind 3) c’è Play 50 Unlimited che prevede minuti illimitati e 50 Giga di internet in 3G al costo di 6,99 euro al mese, con un costo di attivazione di 5 euro. Per il 4G c’è un euro in più, gratis però fino al 31 dicembre.Da segnalare anche l’offerta analoga di Ho. (brand low cost di Vodafone): minuti ed SMS illimitati verso tutti i numeri nazionali e 50 Giga di internet in 4G Basic (massimo 30 Mbps) al costo di 4,99 euro al mese. Ma solo – indovinate un po’ – per utenti Iliad e alcuni virtuali. Più 9,99 euro per sim e attivazione assieme. Stessa condizione per Kena (marchio Tim): Kena Star 5 prevede minuti illimitati verso tutti e 50 Giga di internet in 4G al costo di 5 euro al mese. Attenzione: sms a 25 cent l’uno. È certo un operatore per chi li ha ormai mandati in soffitta. C’è anche qui un costo di attivazione più sim a 9,99 euro. Inclusi gratis i servizi di reperibilità e “chiama ora”, che avvisa quando l’altro utente torna disponibile. Si noti che Tim, anche grazie a Kena, finora sta soffrendo poco per l’arrivo di Iliad, come risulta dai dati di bilancio del terzo trimestre 2018 presentati pochi giorni fa. Tutte queste offerte fronteggiano Iliad Giga 50 che al costo mensile di 7,99 euro ha minuti ed SMS illimitati verso tutti e 50 Giga di internet in 4G. Come si vede, un euro in più dei concorrenti (ma a differenza delle loro offerte, questa è aperta a tutti gli utenti). Ancora disponibile l’offerta Iliad Giga 40 a 6,99 euro al mese, che include minuti ed SMS illimitati e 40 Giga. Il costo iniziale è di 9,99 euro per sim e attivazione.Sul fronte degli annunci che valorizzano invece la qualità della rete, si segnala invece il recente lancio della velocità Gigabit di Vodafone a Roma, Catania, Palermo, Vicenza, Torino, Brescia, Agrigento, Firenze, Salerno, Milano, Genova, Livorno, Ancona, Napoli, Taranto, Bologna e Novara. E 550 Mbps a Rimini, Padova e Verona.Tra le novità degli operatori, ci sono anche offerte low cost rivolte a tutti gli utenti (non solo contro Iliad e virtuali, insomma). Come Wind Smart OnLine che prevede minuti illimitati verso tutti i numeri nazionali e 30 Giga di traffico dati 4G a 8,99 euro al mese. Con 10 euro di sim e 10 euro di attivazione (gratuita per chi sta per 24 mesi). Oppure Vodafone Simple +20: al costo di 9,99 euro, invece dei soliti 14,99 euro, con 20 Giga in internet sulla Giga Network 4.5G, invece dei 10 Giga della versione standard, Giga illimitati da utilizzare sui social e via chat, 1000 minuti e 1000 sms.All’opposto c’è da qualche giorno un’offerta Vodafone con GB illimitati a 55,99 euro al mese che saranno scontati a 39,99 euro al mese per chi sceglie l’addebito su carta di credito o RID bancario. Con chiamate illimitate, SMS illimitati, 1000 minuti di chiamate internazionali.Tra le novità degli ultimi giorni si segnala anche la prima offerta convergente di Poste, PostePay Connect che unisce la carta PostePay Evolution e una SIM PosteMobile con il piano tariffario PosteMobile Connect. Mati verso tutti i numeri nazionali, sms illimitati verso tutti i numeri nazionali e 10 Giga al mese.Il canone annuo di PostePay Connect è di 70 euro e comprende 10 euro per il canone annuo della carta PostePay Evolution e 60 euro, equivalente a 5 euro al mese, per il piano tariffario PosteMobile Connect.Le offerte aperte a tutti gli utenti sono interessanti in particolare per coloro che ora stanno subendo i rincari da parte dei principali operatori telefonici: in caso di cambio unilaterale di contratto, infatti, com’è noto, è possibile disdire senza costi. È quindi un’opportunità per passare a un’offerta migliore.Notiamo però che le rimodulazioni sono una spada di Damocle continua sugli utenti. Potrebbero colpire anche coloro che hanno aderito a queste ultime low cost. E’ vero che nel caso ci sarebbe il vantaggio della disdetta gratuita, ma se la rimodulazione dovesse arrivare troppo presto sarebbe comunque una brutta notizia: l’utente non farebbe infatti in tempo ad assorbire il costo di attivazione e per la sim.