Indaco Ventures I, il fondo promosso dall’omonimo venture capital italiano, e Aldo Bianchi Vimercati, imprenditore che ha a lungo operato nel settore della componentistica meccatronica per auto, sono i due investitori che hanno sottoscritto l’aumento di capitale (in tranche successive) da cinque milioni di euro di Easyrain. Per la startup cresciuta all’interno di I3P, l’incubatore di imprese innovative del Politecnico di Torino (230 le realtà aiutate a crescere all’interno dei suoi spazi, che hanno ottenuto capitale di rischio per circa 65 milioni di euro), arriva quindi la possibilità completare lo sviluppo del progetto a cui ha dato il nome. Easyrain è infatti una soluzione tecnologica che previene il fenomeno dell’aquaplaning, migliorando le prestazioni dei veicoli su asfalto bagnato per abbattere il rischio di incidenti mortali. Si tratta, nello specifico, di un dispositivo integrato – nato dall’intuizione di Giovanni, il founder di Easyrain – che sfrutta un sistema di iniettori alloggiati davanti agli pneumatici, attivato da un software di controllo in grado di rilevare l’innesco del galleggiamento della vettura e la conseguente perdita di controllo su fondi particolarmente bagnati. Attraverso un getto ad alta pressione, e in tempi di reazione molto ridotti, viene rimossa l’acqua in eccesso ristabilendo l’immediato controllo dell’auto. “L’immissione di nuove risorse finanziarie – ha confermato lo stesso Blandina in una nota – rappresenta la leva necessaria allo sviluppo futuro della società”.