Una web tv per superare i confini fisici e geografici di un museo e mettere in relazione le esperienze di diversi centri internazionali di sperimentazione e produzione culturale. Il progetto Jack Contemporary Arts Tv, prima web tv internazionale dedicata alle arti contemporanee, è stato lanciato a Roma dal Maxxi, capofila di una comunità che già oggi coinvolge 14 istituzioni nazionali e internazionali.

Lungi dal voler essere un semplice archivio video di opere e installazioni, Jack punta su contenuti esclusivi prodotti dai partecipanti all’iniziativa, un programma sempre aggiornato di dirette streaming, spazio ai commenti degli utenti e a contributi di art blogger con l’obiettivo di emozionare, provocare i pensieri, raccontare la realtà con occhi nuovi e, soprattutto, avvicinare il pubblico all’arte contemporanea. A partire proprio dal nome – Jack -, comune e familiare, che rimanda a un collegamento elettrico, a una carta da gioco, a un frutto, a un nome scelto perché appartiene all’immaginario di tutti. All’insegna dell’accoglienza e dell’inclusività, la web tv avrà anche una sezione dedicata alla lingua dei segni.

Dalla Triennale di Milano al Museion di Bolzano, dall’Istanbul Museum of Modern Art al Mak di Vienna, dal Foam di Amsterdam alla Trienal de Arquitectura di Lisbona, il progetto punta a unire esperienze e punti di vista diversi per raccontare la forza universale dell’arte a chiunque sia pronto a farsi trasportare dalla potenza della creatività e lasciarsi ispirare.

Nell’ambito di un’opera di rilancio e valorizzazione della collezione, il progetto nasce grazie alla partnership del Maxxi con Engineering, che ha affiancato il museo anche per la realizzazione di “Virtual Maxxi”, una mostra in realtà virtuale che consente di esplorare alcuni dei più bei modelli della Collezione di Architettura al momento non esposti, come quelli di Campo Baeza, Sacripanti e Rossi: una prosecuzione virtuale e immersiva dell’esposizione reale della collezione.