Il ministero dello Sviluppo Economico ha aggiudicato, nell’ambito della gara per le frequenze per il 5G, tutti i blocchi per la banda 700 Bdd per un ammontare complessivo di 2,039 miliardi di euro a Vodafone, Telecom Italia e Iliad Italia. È quanto si legge in una nota dello stesso ministero a proposito della procedura di assegnazione che ha visto oggi la fase di miglioramenti competitivi con la partecipazione di Iliad, Fastweb, Wind 3, Vodafone e Telecom Italia. «Dopo la sesta tornata di rilanci si è chiusa la procedura di gara per la banda 700 Fdd per i blocchi generici – si legge nella nota – con un introito totale di 1.363.436.396,00 euro, a cui si aggiunge il blocco riservato già aggiudicato alla società Iliad Italia per un importo pari a 676.472.792,00 euro».

Risulta ancora aperta la procedura per l’assegnazione della 700 Sdl e «appare vivace» la competizione sulla banda 3700 Mhz. L’ammontare totale delle offerte vincenti a conclusione di questa prima giornata è stato pari a 2.826.412.258,00 euro, con un incremento di 345.409.454,00 euro rispetto alle offerte iniziali. Alle ore 10 di domani, venerdì 14 settembre 2018, riprenderà la seduta dedicata ai miglioramenti competitivi. Tim si è aggiudicata con un investimento di 680,2 milioni di euro due dei quattro lotti da 5+5 Mhz ciascuno sulla banda 700 MHz, disponibili a partire dal 2022 e validi fino al 2037. È quanto si legge in una nota del gruppo a seguito della procedura di assegnazione delle frequenze 5G da parte del ministero dello Sviluppo Economico. Il lotto acquisito rappresenta il massimo aggiudicabile per Tim in base all’attuale normativa Antitrust. L’importo pagato, sottolinea Tim, è «in linea con la base d’asta fissata a 676.472.792 euro».Il Sole 24 Ore Radiocor Plus