A poche ore dal lancio dei nuovi iPhone, gli appassionati di smartphone inseguono i rumors più quotati per capire come saranno i nuovi telefoni made in Cupertino, come si chiameranno e quanto costeranno. Intanto, però, la concorrenza è agguerrita, con i big del mondo Android che hanno recentemente rinnovato i loro cataloghi, o che stanno per farlo. Ecco una panoramica, per questo autunno 2018 che si prevede molto caldo in fatto di smartphone.

Samsung Galaxy Note 9Impossibile non partire da Samsung. La casa coreana è la principale competitor di Apple per numeri e tradizione. L’ultimo arrivo si chiama Galaxy Note 9, presentato a metà agosto a New York. Il famoso smartphone col pennino è ormai un appuntamento fisso e riscuote da sempre ampio consenso. Quest’anno Samsung lo presenta in tre colorazioni differenti: Ocean Blue, Midnight Black e Lavender Purple. Il display è stato portato a 6,4 pollici (2,5 mm in più rispetto al modello 2017). La batteria promette benissimo, con 4000 mAh che ne fanno una delle migliori sul mercato. Anche la memoria è stata incrementata con un raddoppio. La configurazione base è infatti passata da 64 giga di Ram a 128, mentre il top di gamma arriva a 512 giga, a cui si può affiancare una microsd fino a 512 giga raggiungendo così 1 tera di spazio potenziale. Il cuore del Galaxy Note9 è un potente processore 10nm Octa-.a 64-bit. Il comparto fotografico può fare affidamento su una doppia camera posteriore grandangolare (F1.5/F2.4) e una frontale. Sono tutte da 12 megapixel. Infine il prezzo: 1.029 euro per la versione da 128GB, 1.279 euro per quella da 512GB.

GUARDA IL VIDEO / Smartphone, arrivano le funzioni per disintossicarsi

Aspettando Huawei Mate 20 ProLa risposta agli iPhone made in Huawei arriverà il prossimo 16 ottobre. Il colosso cinese, infatti, ha già schedulato un evento internazionale a Londra dove, secondo informazioni molto attendibili, svelerà il nuovo Mate 20 Pro. L’ultimo arrivato della famiglia Mate proseguirà la tradizione dei telefoni più “strong” di casa Huawei, garantendo un comparto hardware ad altissime prestazioni. Del prossimo Mate 20 Pro si sanno già un po’ di cose, che il 16 ottobre saranno ufficializzate. A partire dall’ultimo processore Kirin 980 a 7nm. Il display sarà Amoled da 6,3 pollici, mentre la batteria potrebbe essere di 4200 mAh. Sono previste due versioni: una con 6GB di Ram e 128GB di memoria integrata e una con 8GB di Ram e 256GB di memoria. I prezzi dovrebbero aggirarsi sui mille euro (un po’ più caro quello da 256 GB).

OnePlus 6T in arrivoNonostante per numeri e fatturato OnePlus sia molto distante da Apple, Huawei e Samsung, i suoi device entrano di diritto nella lista di quelli che sono considerati i migliori smartphone sul mercato. È così da ormai tre anni. L’ex startup cinese è in grado di proporre dispositivi di altissimo livello ad un costo ancora abbastanza contenuto (un top di gamma si aggira sui 600 euro). Il nuovo arrivo si chiama OnePlus 6T e molto probabilmente verrà ufficializzato il prossimo 19 ottobre. Difficile intuire quali saranno le nuove caratteristiche (OnePlus è una società che riesce a rimanere abbastanza abbottonata fino ai giorni immediatamente precedenti al lancio). Pare che il 6T, però, potrebbe far esordire la tecnologia del lettore di impronte sotto il display. Diversi rumors, infatti, dicono che OnePlus abbia lavorato molto in questa direzione e che già un anno fa, con il 5T, avevano provato a far debuttare questa feature. Stavolta, invece, potrebbe essere la volta buona. Per il resto, il 6T potrebbe avere un display da 6,4 pollici Optic Amoled, doppia fotocamera posteriore (16+20) e le classiche tre versioni di memoria (64, 128 e 256 giga). Prezzo: sotto i 600 euro quasi sicuramente.

Motorola Z3 PlayFra i top di gamma figura bene anche Motorola, che ad inizio estate ha lanciato il suo Z3 Play. Uno smartphone noto per i suoi “mods”, i moduli che si accoppiano sulla scocca posteriore e danno nuove funzioni allo smartphone (dal videoproiettore al sistema stereo, fino alla batteria aggiuntiva). Display da 6 pollici Full HD, processore Snapdragon 636, con a corredo 4GB di Ram (e 32 o 64 GB di memoria). La batteria è da batteria da 3000 mAh (ma con il modulo Power Pack gli si può conferire ulteriore energia per 2220 mAh). La fotocamera posteriore è doppia (12 + 5 megapixel), e non ha qualità da top di mercato. Anche il design non fa impazzire, ma in mano si tiene bene. Prezzo di listino: 499 euro.

Google Pixel 3Da quando Google ha acquisito la divisione mobile di HTC è a tutti gli effetti un attore importante del mondo smartphone. Ce ne siamo accorti subito, con Pixel 2. E adesso l’attesa è frenetica per quello che sarà Google Pixel 3. Il telefono è in uscita il 9 ottobre prossimo, con un evento internazionale già schedulato (a Londra per la stampa europea). Molto probabile che in nuovi googlefonini arriveranno in due varianti: Pixel 3 e Pixel 3 XL, come è accaduto per il 2. In quell’occasione, in Italia è stata commercializzata solo la versione XL, e non è escluso che possa riaccadere anche stavolta. Pixel 3X ha tutto per diventare un serio top di gamma. I rumors dicono: display da 6,7 pollici Amoled, processore Qualcomm Snapdragon 845 con 4 Gb di Ram a corredo, fotocamera posteriore da 12 megapixel e doppia fotocamera frontale da 8. Infine, batteria da 3.430 mAh. Prezzo stimato: intorno ai mille euro.

Oppo e gli altriLa galassia di androidi è comunque vasta. E fra questi vale la pena segnalare Oppo Find X, top di gamma che fa debuttare il marchio cinese anche in Italia. Si tratta di un device molto interessante per design e struttura hardware. La novità più interessante, che lo differenzia dal resto degli smartphone presenti sul mercato, riguarda un’innovativa struttura a scorrimento motorizzato presente nella parte alta del dispositivo che si attiva quando si vuole scattare una foto. Questo sistema “retrattile” (garantito per funzionare almeno 300 mila volte) ha consentito a Oppo di eliminare il “notch” nella parte anteriore del dispositivo,

offrendo così un rapporto schermo-superficie pari al 93,8%. In questa struttura che sparisce sono celati i tre sensori fotografici (anteriori e posteriori). Il cuore pulsante di Find X è uno Snapdragon 845, con a corredo 8GB di RAM e 256GB di storage non espandibile. La batteria è da 3.400 mAh. Il comportato fotografico è così composto: fotocamera frontale da 25 MP e due fotocamere posteriori da 20 MP + 16 MP. Disponibile in due colorazioni (Bordeaux Red e Glacier Blue). Il prezzo di listino è 999 euro. Tanta attesa anche per Honor, marchio specchio di Huawei. Durante Ifa di Berlino hanno lanciato un interessante Honor Play (che soprende per il rapporto qualità prezzo, viste le caratteristiche e il costo di 330 euro). Ma in autunno con molta probabilità uscirà il nuovo Honor Magic 2, con un sistema di fotocamera a scomparsa che potrebbe richiamare quello di Oppo. Vedremo.

I nuovi iPhone

Intanto, però, è tempo dei nuovi iPhone. Dallo Steve Jobs Theatre, Tim Cook svelerà quelli che dovrebbero essere i nuovi smartphone della famiglia X. Secondo i rumors, saranno almeno tre i modelli che Apple è pronta a mettere in commercio: iPhone XS, iPhone XS Max e iPhone XC. Tre modelli diversi per caratteristiche e fasce di prezzo. Se i primi due (XS e XS Max) ripercorreranno un po’ la tradizione di Apple di lanciare un iPhone e il suo fratello maggiore (fino a oggi chiamato Plus), l’iPhone XC dovrebbe essere un modello dedicato a una fetta di mercato meno esigente e con meno risorse. Un iPhone più economico (da leggere in chiave Apple, però, quindi non aspettatevi nulla che vada sotto i 700 euro). L’iPhone XS sarà il successore di iPhone X. Dovrebbe disporre del nuovo processore A12, e la Ram a corredo potrebbe salire da 3 a 4 gb. Non è esclusa una versione da 512GB di storage. Il display sarà ancora un Oled da 5,8 pollici. iPhone XS Max, invece, sarà il fratello maggiore. La vera differenza sarà il super display Oled da 6,5 pollici. Se vi state chiedendo quanto sarà grande, la risposta è: come gli iPhone 6, 7 e 8 nelle versioni Plus. L’assenza di cornici dell’XS Max, infatti, consentirà di disporre di un grande display senza bordi. Infine l’iPhone XC, la versione più economica in procinto di essere svelata. Il display darà da 6,1 pollici e sarà con tecnologia Lcd e non Oled. Solo una fotocamera sul retro e 3GB di Ram a corredo del processore, anziché 4. I prezzi dei nuovi iPhone sono ancora un mistero, ma potrebbero essere i seguenti: iPhone XS da 1.089 euro, iPhone XS Max da 1.189 euro e iPhone XC a 849 euro.