È vero, importano più di quanto esportino all’estero. Ma ci sono settori nei quali rappresentano oltre un terzo dell’intero fatturato. E danno lavoro quasi ad un addetto ogni sette. Sono le multinazionali attive nel nostro Paese raccontate da alcuni dati che Istat ha appena diffuso.

Numeri che raccontano di come nel 2016 fossero attive in Italia poco meno di 15mila multinazionali, con un aumento di circa il 4% rispetto all’anno precedente. Incremento che si è esteso anche al fatturato e al valore aggiunto, saliti rispettivamente di 10 e 9 miliardi. Le aziende a guida estera, spiega ancora Istat, pesano sul comparto dell’industria e dei servizi per il 7,9% degli addetti, il 18,3% del fatturato e il 14,4% degli investimenti.

Il grafico mostra il “peso” delle multinazionali in diversi settori per quanto riguarda indicatori come il fatturato, il numero di addetti, la spesa in R&D e il valore aggiunto. Per passare da uno all’altro è possibile usare il filtro in alto a sinistra.

Come si vede, il peso percentuale maggiore in termini di fatturato riguarda le multinazionali che si occupano di informazione e comunicazione, che rappresentano oltre un terzo del fatturato del settore. Lo stesso vale per gli addetti: il 16% di chi opera in quest’area lo fa per conto di un’azienda estera. Guardando invece alla spesa in ricerca e sviluppo, emerge un aspetto interessante: pur essendo appena lo 0,2% delle imprese che si occupano di costruzioni nel nostro Paese, le multinazionali del settore delle costruzioni rappresentano oltre il 35% dell’investimento in R&D.

 

Questo grafico mostra invece la situazione delle multinazionali rispetto al Paese d’origine. Sono rappresentate le prime 10 nazioni per numero di aziende insediate in Italia. E, utilizzando il filtro, è possibile vedere una sorta di classifica del loro peso sul quadro generale dell’economia italiana.

Per quanto riguarda il numero di addetti vincono Stati Uniti e Francia, con i primi che vedono il maggior numero di dipendenti nel settore industriale, i secondi nei servizi. Se si guarda al numero delle imprese, agli investimenti e al valore aggiunto, però, sono sempre le multinazionali americane a prevalere. Si tratta, in generale, di poco meno di 2.500 aziende, che danno lavoro a circa 287mila persone.

Per un rapporto che vale anche a parti invertite. Gli Stati Uniti sono infatti il primo approdo per le multinazionali italiane, che in America danno lavoro a 146mila persone nell’industria e a 108mila nei servizi.

C’è, per concludere, un ulteriore elemento da considerare rispetto alla presenza delle multinazionali in Italia. Ed è l’aspetto legato alla bilancia commerciale che vede queste aziende pesare percentualmente più sulle importazioni che sulle esportazioni.

 

Una situazione che riguarda in particolar modo il settore dei servizi in generale ed una sottocategoria di questi ultimi come il commercio in particolare. In questo comparto, infatti, le multinazionali pesano sulle importazioni per più del 50%. Dato che in realtà non stupisce. Questo numero dice infatti che oltre la metà dei prodotti importati in vendita in Italia è prodotto all’estero e commercializzato nel nostro Paese da una multinazionale. Basta pensare a qualche marchio del fast fashion per avere un esempio di questo fenomeno. E, unendo questi numeri a quelli relativi al peso in termini di fatturato, addetti e investimenti, è possibile farsi un’idea dell’impatto delle multinazionali sull’economia italiana.

L’articolo In Italia operano 15mila multinazionali straniere. Ecco cosa fanno sembra essere il primo su Info Data.

Leggi su infodata blog