Il premio di produttività “incentivato” con la cedolare secca al 10% salirà, nel 2017, dagli attuali 2mila euro a 3mila euro; per crescere, poi, ancora di mille euro, fino cioè a 4mila euro, in caso di coinvolgimento paritetico dei dipendenti nell’organizzazione del lavoro (oggi questa soglia è ferma a 2.500 euro). Ad ampliarsi è anche la platea dei beneficiari, con la novità di ricomprendervi, non solo operai e impiegati, ma anche quadri e una fetta della dirigenza non apicale, con l’allargamento del limite di reddito per usufruire della tassazione agevolata, da 50mila euro, attualmente in vigore, a 80mila euro lordi annui.

Articolo a pagina 10 del Sole 24 Ore del 16 ottobre 2016

L’articolo Manovra: la geografia del contratti con premi produttività sembra essere il primo su Info Data.

Leggi su infodata blog