L’e-commerce in Italia entra nella fase della maturità. Non solo perché per la prima volta il valore dei prodotti supererà quello dei servizi con una quota di mercato del 52% contro il 48. Il tasso di crescita aiuta a cogliere il cambiamento nelle abitudini: per i servizi il valore segna un +7% una frazione rispetto al +28% ottenuto dai beni fisici. L’e-com diventa così un canale di vendita al pari della moderna distribuzione. Nel dettaglio le migliori performance sono ad appannaggio dei settori sbarcati per ultimi nelle vetrine digitali. I prodotti del largo consumo confezionato e l’alimentare mettono a segno un +43% a quasi 850 milioni, nel 2016 erano 575 milioni, e l’arredamento con un +31% tocca i 905 milioni. In termine di valore le colonne restano l’elettronica di consumo e l’abbigliamento, settori che hanno fatto scoprire lo shopping online agli italiani. A fine anno il valore di beni e servizi acquistati online supererà i 23,6 miliardi (+17% sull’anno precedente). Ecco la fotografia che scatta la diciottesima edizione 2017 dell’Osservatorio eCommerce B2c del Politecnico di Milano, realizzato in collaborazione con Netcomm, che sarà presentato domani. Qui l’articolo online, 

L’articolo L’e-commerce a quota 24 miliardi. Non è più il prezzo a spingere sembra essere il primo su Info Data.

Leggi su infodata blog