La prima volta in Italia fu nel 1979 in Valcamonica. E negli ultimi 39 anni il loro numero è cresciuto, fino a toccare quota 53.

Quella della numerosità dei siti Unesco riconosciuti come patrimonio dell’Umanità è una classifica che vede, anche ragionevolmente, il nostro Paese in testa. Più della Cina (30 volte più grande e 20 più popolosa), che si ferma a 52 e a seguire, più di Spagna (46), Germania e Francia, queste ultime appaiate a quota 43.

 

Nonostante la defezione statunitense nel 2017 e il sapore della valenza di marketing (e politica) del titolo, è indubbio che i luoghi segnalati siano tra i più belli del mondo. E che spesso non appartengano ad un solo Paese, come ad esempio l’ultimo riconoscimento attribuito, assieme ad Italia anche a Croazia e Montenegro per le fortificazioni di difesa della Repubblica di Venezia tra il XVI e il XVII secolo.

E così tra le pitture rupestri dei Camuni e il borgo di Palmanova a forma di stella, si trovano città d’arte (Napoli e San Gimignano, ad esempio), luoghi dalla forte valenza di architettura industriale come Crespi d’Adda, singoli edifici come Castel del Monte oppure meraviglie naturali come la Costiera Amalfitana e le Dolomiti.

A livello globale, dopo una forte crescita fino al 2000, negli ultimi anni il numero di nuove assegnazioni si è attestato a poco più di 20 all’anno, in modo più distribuito tra i diversi continenti di quanto non lo fosse in passato.

Dai primi 12 siti del 1978 (tra i quali ricordiamo il parco di Yellowstone negli Stati Uniti e le isole Galapagos) ora il numero è aumentato fino a superare quota 1.000. Siete già alla ricerca della meta del vostro prossimo viaggio?

 

L’articolo Italia finalmente da record. La mappa globale della bellezza sembra essere il primo su Info Data.

Leggi su infodata blog