Come ogni anno è tempo di  #YouTubeRewind. Ecco gli ultimi 12 mesi su YouTube con una vera e propria colonna sonora composta dai video musicali più popolari del 2017, in base al tempo di visualizzazione, alle condivisione e ai commenti che ciascuno di essi ha avuto.  Alcuni volti sono familiari e hanno guidato anche le precedenti classifiche (Fabio Rovazzi, Enrique Iglesias, J-AX & Fedez, Baby K), altri sono  al loro ingresso nella classifica di fine anno di YouTube.

Ecco la classifica completa dei video musicali più popolari in Italia su YouTube nel 2017:

 

 

 

Il 2017 ha visto un record importante nella musica internazionale: il grande successo globale di Luis Fonsi e Daddy Yankee. “Despacito” è in cima alla lista dei video musicali del 2017, non solo come il video musicale più visto dell’anno, ma come il video YouTube più visto di tutti i tempi!

 

 

Al secondo posto un italiano. Anzi sono sette gli italiani tra i primi dieci. Primo fra tutti Francesco Gabbani – Occidentali’s Karma

 

 

 

Fabio Rovazzi in accoppiata con Gianni Morandi.

 

 

Ancora musica Latina con Enrique Iglesias

 

 

 

Una delle grandissime star del rock di questi ultimi due anni. Non è più l’astro nascente

 

 

Per la rapper Baby K oltre ottantatre milioni di visualizzazioni su YouTube per il suo ultimo video “Voglio ballare con te”

 

Negli ultimi anni Takagi & Ketrasi sono guadagnati un posto importante nella rosa dei protagonisti del “nuovo” pop italiano.

 

 

 

L’accoppiata J-Ax e Fedez. Il loro album ha scalato le classifiche. “Comunisti col Rolex” è certificato doppio platino

 

Uscito il 21 giugno il singolo inedito dei Thegiornalisti. “Riccione”, La band capitanata da Tommaso Paradiso è diventata quest’anno fenomeno del nuovo pop italiano,

 

Classe 1993, Ghali è un rapper italiano di origine tunisine il cui album di debutto ha conquistato critici e appassionati di tutte le età. Happy days, la sua canzone più famosa

 

L’articolo I video più visti su YouTube? Sette su dieci sono italiani sembra essere il primo su Info Data.

Leggi su infodata blog