I governi in tutto il mondo hanno speso l’anno scorso qualcosa come 1.686 milioni di dollari in spese militari. I numeri provengono da un nuovo repor dell’International Peace Research Institute di Stoccolma (SIPRI). La spesa è cresciuta negli Stati Uniti e in Europa.  Si tratta di un aumento del 0,4% rispetto al 2015 ma indica una tendenza che non accenna a trovare una inversione di tendenza. Gli aumenti dovrebbero continuare nei prossimi anni. Il presidente degli Stati Uniti Trump ha già annunciato un aumento del 9% per il bilancio militare degli Stati Uniti 2018. La Cina ha anche annunciato un aumento del 7% per quest’anno. Anche per i paesi europei i bilanci sono già in aumento. Gli Stati Uniti spendono più di tre volte tanto sulle armi della Cina, che è il secondo big spender.

Il database che trovate qui contiene serie storiche coerenti sulla spesa militare dei paesi per il periodo 1949-2016. SIPRI dati spesa militare si basa solo su fonti aperte. Nell’Info abbiamo rappresentato lo storico delle spese militari per abitante (in dollari), La mappa cambia la tonalità del colore in base all’anno. A destra invece si seleziona il Paese e sotto si può apprezzare come è variata la spesa dal 1988 al 2016.

 

Più nello specifico. Le spese militari mondiali sono aumentate per il secondo anno consecutivo. Le tendenze e modelli in spese militari variano considerevolmente tra le regioni. La spesa ha continuato a crescere in Asia e Oceania, Europa centrale e orientale e del Nord Africa. Al contrario, la spesa è scesa in America Centrale e nei Caraibi, in Medio Oriente (sulla base di paesi per i quali sono disponibili i dati), in Sud America e nell’Africa sub-sahariana.
Chi spende di più. Gli Stati Uniti rimangono il paese con la più alta spesa militare annua nel mondo. E’ cresciuta dell’1,7 per cento tra il 2015 e il 2016. La Cina è il secondo big spender nel 2016, rispetto all’anno prececedente ha speso il 5,4% in più registrando in questo modo il più alto tasso di crescita della sua storia. Anche la Russia ha aumentato il budget (+5,9 per cento nel 2016), diventando così il terzo più grande spender. L’Arabia Saudita è scesa al quarto posto nel 2016.
La crescita della spesa militare degli Stati Uniti nel 2016, si legge nel sito, potrebbe segnare la fine di un trend di diminuzione della spesa legato alla crisi economica e al ritiro delle truppe statunitensi dall’Afghanistan e dall

Anche in Europa si spende di più. La spesa militare in Europa occidentale è aumentata per il secondo anno consecutivo, +2,6 per cento nel 2016. L’Italia ha registrato l’aumento più notevole, con una spesa in aumento del 11 per cento tra il 2015 e il 2016. 

In questa info invece ci siamo concentrati a rappresentare le spese rispetto al Pil. Anche in questo caso in alto trovate la data che modifica la dimensione delle palle sulla mappa e a fianco invece trovate i paesi per poter apprezzare come sono cambiati gli investimenti rispetto al Pil. 

 

“La crescita della spesa da molti paesi dell’Europa centrale può essere in parte attribuito alla percezione della Russia come minaccia” ha detto Siemon Wezeman, ricercatore senior del programma SIPRI AMEX . ‘Questo nonostante il fatto che la spesa della Russia nel 2016 era solo il 27 per cento del totale combinato dei membri europei della Nato”.

Meno soldi alle armi per i paesi esportatori di petrolio
‘Il calo delle entrate del petrolio e dei problemi economici connessi allo shock del prezzo del petrolio ha costretto molti paesi esportatori a ridurre questo tipo di investimenti. Ad esempio, tra il 2015 e il 2016 l’Arabia Saudita ha deciso la più grande diminuzione assoluta della spesa pari 25,8 miliardi di dollari. Forti cali percentuali anche in Venezuela (-56 per cento), Sudan (-54 per cento), Azerbaijan (-36 per cento), l’Iraq (-36 per cento) e in Arabia Arabia (-30 per cento). Altre diminuzioni notevoli sono stati osservati in Angola, Ecuador, Kazakistan, Messico, Oman e Perù. Solo 2 dei 15 paesi con le maggiori diminuzioni di spesa nel 2016 non sono esportatori di petrolio. Tuttavia, una minoranza di paesi esportatori di petrolio, come l’Algeria, Iran, Kuwait e Norvegia, sono meglio attrezzati economicamente per affrontare gli shock del prezzo del petrolio e potrebbe continuare con i loro piani di spesa esistenti nel 2016.

Nota. SIPRI monitora gli sviluppi delle spese militari in tutto il mondo e mantiene la fonte di dati più completa, coerente ed estesa disponibili sulla spesa militare. Le spese militari si riferisce a tutte le spese del governo sulle forze militari in corso e le attività, compresi gli stipendi e benefici, le spese operative, le armi e gli acquisti di attrezzature, costruzione militare, ricerca e sviluppo, e l’amministrazione centrale, di comando e di supporto.

Articolo uscito in aprile 2017

 

L’articolo Continuano ad aumentare le spese militari nel mondo. Nel 2016 Italia +11% sembra essere il primo su Info Data.

Leggi su infodata blog