Mondo videogames. Alcuni arriveranno a fine anno, altri nel 2017. Le esclusive di Microsoft, Sony e Nintendo. I titoli più attesi e le nuove proprietà intellettuale. Ecco cosa ci riserva l’industria del gaming su console. Guardando i dieci video in anteprima

Steep: montagne, neve e acrobazie sugli sci

L’idea non sembra originalissima ma l’esperienza è da togliere il fiato. Steep di Ubisoft per Ps4, Pc e Xbox One è un open world dedicato agli sport estremi alpini. Atterriamo sul Monte Bianco e decidiamo se scendere con il parapendio, con la tuta alare, in snowboard o come vogliamo. Si scala, si scia e si cade in multiplayer. Il gioco entrerà in beta già a partire da quest’anno.

2) Dead Rising 4 e l’allegra strage di zombi

Microsoft e Capcom hanno presentato Dead Rising 4, esclusiva per Xbox One e Windows 10. Dead Rising è il lato ridanciano e scanzonato delle saghe di zombie. Si torna al primo capitolo, l’atmosfera del trailer è natalizia e il gioco uscirà alla fine dell’anno. Vale il prezzo del biglietto solo per la macabra creatività nell’eliminazione del popolo dei non morti.

3) Dishonored 2, era ora.

E’ il pezzo più pregiato di Bethesda. Quattro anni dopo l’uscita del primo Dishonored ritroviamo Emily Kaldwin sul trono di Dunwall e Corvo Attano, il protagonista del precedente titolo, al suo fianco come consigliere. Ricercato nelle architetture con un respiro e una attenzione al dettaglio che non ritroviamo da tempo è la confortante conferma che si possano progettare videogiochi d’azione senza puntare solo sui soliti cliché testosteronici e militari. Uscirà a novembre per Pc, Ps4 e Xbox One.

4) For Honor, nei panni del barbaro

Lo scontro medievale, quello nel casino più vero. Annunciato l’anno scorso con un brillante teaser oggi For Honor di Ubisoft si mostra con più chiarezza. Possiamo vestire i panni di un vichingo, un samurai o un cavaliere. Gli scontri sono violenti e all’arma bianca: una danza lenta e letale. Ricorda la serie Dynasty Warriors. Visivamente riporta al migliore cinema di guerre in costume. Uscirà a febbraio 2017.

5) Battlefield 1 e la prima grande guerra.

E’ un ritorno alle origini ma anche un bel rischio. Electronic Arts mette da parte le guerre del futuro e le armi tecnologiche per tornare in trincea a sporcarsi le mani con la storia. Colpiscono i toni cupi dipinti dagli sviluppatori di Dice che giocando con la storia contemporanea devono dimostrare come il nostro passato non è una fredda mappa da videogame. Il gioco si presenta comunque come al solito ricco di contenuti (si potrà giocare online in 32 contro 32). Uscirà in ottobre per Ps4, Pc e Xbox One.

6) Death Standing: il ritorno di Kojima

Il trailer è molto intenso e incomprensibile, come è giusto che sia. Dopo aver lasciato Konami il più carismatico tra i carismatici si presenta in casa Playstation con un nuovo gioco. Nel video di Hideo Kojima ci sono granchi morti, neonati, impronte e cicatrici a forma di croce sulla pancia. Di riconoscibile c’è solo l’attore Norma Reedus (The Walking Dead). Non c’è data ma i fan sono già felici.

7) E finalmente arriva Zelda

The Legend of Zelda: Breath of the Wild sarà lanciato in contemporanea sia su Wii U che sulla prossima console Nintendo, nome in codice NX, nel 2017. Il lancio della nuova console avverrà entro la fine dell’anno fiscale quindi entro marzo. La demo tecnica realizzata per E3 impressione per la dolcezza lieve e bimba dell’esplorazione. Link sente freddo o caldo (e quindi deve cambiare vestiti), un indicatore segnala se fa rumore quando cammina e riduce gli animali che uccide in bistecche. E’ Zelda come mai l’abbiamo vista.

8) Days Gone, ricordando The Last of Us

Days Gone sprizza The Last of Us da tutti i pori. Il mondo è decimato e alla deriva, ci sono orde di zombie famelici e anche quel che resta dell’umanità non sembra essere meno violento. Siamo un mercenario motociclista con il giubbetto di pelle e con il cuore spezzato. Il nostro è un viaggio in quel che resta dell’umanità. Ecco in sintesi la nuova Ip di Bend Studio per Sony. Il gioco perfetto per i nostalgici di uno dei più celebrati videogiochi della storia.

9) Detroit Become Human e la scienza delle conseguenze

L’ambizione è quella di creare un gioco completamente influenzabile dalle scelte degli utenti.
I giocatori vestiranno i panni di alcuni personaggi, la trama potrà essere vissuta da diversi punti di vista. Il grande burattinaio di questa esclusiva Playstation è il maestro David Cage. La storia non è delle più originali; a Detroit ci sono robot che iniziano a provare sentimenti. C’è un cacciatore di androidi e una rivolta. Tutto già visto. Ma il game designer francese è e resta il migliore in quello che fa.

10 Abzu, l’oceano e le poesie piccole e furbette
Esiste uno spazio, anche piccolo, per la poesia nei videogame? Se piccolo sì. In mezzo a quintali di sparatutto quando si osa con qualche cosa di diverso non si passa mai inosservati. Abzu senza offendere nessuno ricorda Journey, e infatti ci lavorano due ex del team di Jenova Chen. Il gioco di esplorazione sottomarina sviluppato da Giant Squid, uscirà nel corso dell’estate su PC e PlayStation 4. Giocarci è comunque un piacere inconsueto.