Platform as a Service (PaaS), Software as a Service (SaaS) e Infrastructure as a Service (IaaS) entrano sempre più spesso nella letteratura specialistica, citati in genere con l’acronimo PSI.

L’erogazione di servizi cloud (SaaS) secondo Gartner genererà una cifra d’affari mondiale di 244 miliardi di dollari a fine 2017. Nel corso del 2015 sono stati investiti 49 miliardi di dollari nelle infrastrutture SaaS, cifra che salirà fino a 67 miliardi quest’anno. Sono applicazioni gestite da fornitori esterni all’azienda, spesso accessibili via browser, senza bisogno di installare alcunché, se non appositi plug-in. Ciò evita di possedere server dedicati e, in molti casi, libera le aziende dalla necessità di sostituire i computer, perché la capacità di processare informazioni viene gestita da server remoti. Possono fare parte del SaaS i gestionali dell’azienda, le suite quali Office, i filtri antispam e gli antivirus. Tra i più comuni Google Apps, Citrix GoToMeeting, Office 365 e Salesforce.

Le piattaforme cloud (PaaS) permettono a chi sviluppa applicazioni di potere svolgere test e implementazioni senza acquistare hardware e software specifici. Una sorta di palestra, spesso esterna all’azienda, in cui gli sviluppatori fanno tutti i test che ritengono necessari prima di mettere in produzione le soluzioni create, possibilità che riduce i costi in fase di sviluppo. Le piattaforme più note sono Microsoft Azure Web Sites e Mobile Services, Cloud Foundry, Google App engine e, sul fronte dei database relazionali, Oracle offrono soluzioni che permettono ai propri clienti di non sobbarcarsi l’intero costo delle licenze, mentre Progress Software eroga in PaaS alcuni servizi finanziari. Sembra ricoprire un ruolo secondario ma è vitale per la crescita del cloud.

L’infrastruttura (IaaS) è invece formata da modelli che permettono la gestione di reti, server, datacenter e parti attive (ad esempio firewall) senza dovere acquistare hardware apposito. Al contrario di quanto accade con il SaaS e il PaaS, chi fa ricorso a soluzioni Infrastructure as a Service, configura e gestisce da sé l’intera struttura, benché questa sia ubicata al di fuori dell’azienda. Tra i fornitori IaaS più ricorrenti ci sono Amazon Web Services, Google Compute Engine, Microsoft Azure e Cisco Metapod.