Al tavolo della realtà virtuale non poteva mancare Google, che in questa settimana, con un paio di annunci, ha scoperto le sue carte. E come sempre accade quando entra in gioco Big G, le novità sono consistenti. Con l’arrivo – previsto per l’estate – di Android N, Google è pronta a far debuttare DayDream, la piattaforma di realtà virtuale che sarà integrata proprio al sistema operativo. Un hub dalle potenzialità importanti, seppur tutto da verificare.

Un po’ una scommessa, quella di Google, che ha deciso di entrare nel mondo della realtà virtuale dalla porta del mobile. Una scelta che ricorda molto quella di Samsung, col suo dispositivo Gear.

DayDream è probabilmente la più grande novità che Pichai, Ceo di Google, ha portato sul palco dell’Anfiteatro Shoreline per la conferenza annuale degli sviluppatori. Una piattaforma che ospiterà applicazioni pensate esclusivamente per la realtà virtuale. Sarà determinante, però, quello che succederà in chiave hardware. E qui Google potrà fare poco. Gli ingegneri di Android hanno già fornito le specifiche ai maggiori produttori di smarphone, insieme al set di api e al progetto per il controller e il visore. Molto dipenderà proprio dall’integrazione fra quello che ha sviluppato Google in chiave software e quello che sapranno fare i produttori di device in chiave hardware (gli smarpthone compatibili avranno un bollino di uniformità che sarà fornito da Android).

Tutto ciò ricorda un po’ la partnership fra Samsung e Oculus Rift: lo smarphone inserito nel visore che diventa realtà virtuale. Ed è abbastanza probabile che proprio Samsung sia la più scontenta per l’arrivo di DayDream.

Ovviamente, trattandosi di un progetto ancora in fase di sviluppo, gli scenari ipotizzabili sono vasti. DayDream potrebbe veramente rivoluzionare il gaming da mobile (anche perché prevede un controller, a differenza di Samsung Gear che basa tutto sulla gestualità della testa). Per questo la qualità delle immagini sarà determinante. Se esperienza d’uso sarà simile a quella offerta da Oculus Rift e HTC Vive, fuoriclasse del settore, si potrà dire con certezza che Google ha fatto bingo.

Arriva YouTube VR

Intanto, poche ore dopo l’annuncio di DayDream, sempre da Mountain View hanno annunciato YouTube VR, app dedicata proprio alla nuova piattaforma per la realtà virtuale. Grazie a YouTube VR sarà possibile vedere video in realtà virtuale e a 360 gradi. È la prima app ufficiale per DayDream, e del resto non poteva che essere così.